Testa di Lepre come il Terzo Mondo!


Mancanza di acqua e sistema fognario non a norma, sono questi i veri problemi della piccola frazione a Nord del Comune di Fiumicino, che chiederò con tenacia e fermezza di risolvere in primis alla nuova amministrazione che si insedierà dopo il voto del prossimo 10 giugno!

Ebbene sì! Sembra di parlare del terzo mondo e invece siamo a Testa di Lepre.

Sono anni che i cittadini urlano il loro disagio, senza alcuna risoluzione da parte delle Istituzioni, senza essere aiutati a risolvere un problema di prima necessità.

Fognature che se non fosse per le soluzioni individuali dei casali del territorio sarebbero totalmente inesistenti. 

Non esiste nessun tipo di condotta fognaria, ogni casale è dotato di tubazioni proprie, di proprie soluzioni di raccolta e di diversi modi di smaltimento.

Nulli sono stati i tentativi di richiedere soluzioni a carattere generale con costruzione di eventuale depuratore e condotta di raccolta.

Unico caso di depuratore, tra l’altro oggi ancora in via di ultimazione, è quello che si trova appena sotto il borgo di Testa di Lepre di sopra, nella vallata adiacente, costruiti per la raccolta dei liquami della Centrale del Latte che si trova appunto attaccata al borgo. 

Da notizie quasi ufficiali tale depuratore oltre a svolgere funzione di raccolta dei pochi fabbricati facenti parte del borgo di Testa di Lepre, potrà essere utenza solo di poche altre case dislocate su via Emilio Pasquini.

Diverso sarebbe se un depuratore venisse costruito a valle di tutto il comprensorio di Testa di Lepre, magari all’altezza dei casali di Doria Panphilj, nei terreni adiacenti al casale, nelle vicinanze del fiume Arrone in cui potrebbero confluire i liquidi una volta depurati. 

Basterebbero a questo punto tre o quattro condotte di pochi chilometri per coprire una altissima percentuale di utenze e abitazioni dell’intero territorio di Testa di Lepre.

Quindi se partiamo dal concetto che la risoluzione del problema della raccolta e il trattamento delle deiezioni e delle acque di scarico è di fondamentale importanza, non possiamo che cercare di trovare al più presto una soluzione laddove si è poco prestata attenzione finora. 

E perché allora se nel territorio di Testa di Lepre ancora non si è intervenuti con la realizzazione di condotte fognarie e relativo depuratore, non si pensa ad un intervento risolutivo da parte del Comune sostenendo nella burocrazia e nel peso economico quelle famiglie che voglio e che devono ammodernare tutto il proprio sistema fognario?

Proprio in questi giorni ACEA ATO2 sta allacciando i nuovi contatori per poi mettere in funzione il nuovo tratto di acquedotto, ma anche qui torna il problema fognature. Acea ato2 non fa nuovi allacci se non si è in regola con gli scarichi fognari. 

Ricordo che i sistemi fognari sono esistenti in tutte le abitazioni, ma spesso è tutta quella parte cartacea a documentare l’idoneità sanitaria che potrebbe essere carente. 

In tutto questo il Comune potrebbe aiutare mettendo a disposizione uno sportello che faciliti tutta la parte burocratica di questo intervento, un progetto di ammodernamento standard, e perché no, autorizzazione direttamente all’ufficio tecnico, non guasterebbe.

Arianna Benedetti – “Cuori per Fiumicino” (in collaborazione con il Sig. Luigi Conti)

Comunicato Stampa


Testa di Lepre come il Terzo Mondo!

log in

Become a part of our community!

reset password

Back to
log in