Addio Nicola


È scomparso Nicola De Matteo, uno dei padri fondatori del Comune di Fiumicino e collaboratore di VIA AVRELIA XX-XXX.

“Non scriverò più”. Questa frase me la sono portata dentro per mesi. Ero andato a trovarlo e in un sussurro aveva chiuso la sua parentesi di collaboratore del giornale. Era stanco, malato, arrabbiato. Uno come lui forte, testardo, curioso, costretto ad abdicare di fronte a un male che si era presentato a passi lenti ma inesorabile. Proprio non gli andava di smettere. Aveva ancora tante cose da dire e da scrivere, spinto dalla sua vena polemica, critica, suffragata sempre da dati inoppugnabili.

L’ho conosciuto nel 2001. Il giornale era agli inizi. Mi mandò la sua storia sul Cavalcaferrovia che pubblicammo a puntate tanto era il materiale in essa contenuto. Grazie a Nicola VIA AVRELIA cominciò a diffondersi a Passoscuro e dintorni, come recita il titolo della sua monumentale opera sulla “sua” cittadina. Un amore-odio nei confronti di un luogo e dei suoi abitanti che lo ha accompagnato fino a che ha avuto la forza di esprimersi.

Addio Nicola. Mi mancheranno le tue storie, ma mi mancherà soprattutto la tua amicizia che si manifestava con semplici gesti. Spesso ti ho dato del logorroico, mentre, di contro, eri così parco nell’esprimere i tuoi sentimenti. Da uomo riservato qual eri, il tuo affetto lo palesavi con i fatti, con l’impegno verso la tua famiglia, i tuoi amici, i tuoi concittadini.

In tanti anni non abbiamo mai litigato (e sì che con i nostri caratteracci sarebbe stato facile!), ci siamo sempre rispettati e a modo nostro voluti bene. Eri una gran brava persona. È una frase che si usa sempre quando qualcuno ci lascia. Ma tu lo eri sul serio. Mi mancherai, così come mancherai a tutto il Comune di Fiumicino del quale sei stato uno dei padri fondatori. Mancherà a tutti il tuo impegno civile e politico, mancheranno le tue sferzate nei confronti delle varie amministrazioni che si sono succedute e che non sempre hanno saputo cogliere i tuoi suggerimenti, le tue iniziative.

Finiamola qui, Nicola. Le smielature non appartengono al nostro modo di fare. Ovunque tu sia, devi sapere che hai lasciato un vuoto. E se dall’altra parte esiste qualcosa, fai in modo di illuminare le teste di chi quaggiù sembra aver smarrito la voglia di studiare, di approfondire, di ragionare in modo autonomo. Tutte doti che tu hai espresso in modo esemplare nell’arco della tua esistenza.

Addio Nicola.

Nicola De Matteo (Benevento, 26/11/1940)

Portalettere in pensione, è vissuto a Passoscuro dal 1966. Dal 1975 al 1992 sempre presente nel consiglio della Pro Loco di Passoscuro come consigliere, segretario, Vice Presidente e Presidente. Segretario dell’Associazione Borgata Passoscuro, dell’Associazione Nuovo Sviluppo e del Comitato per il Monumento a Salvo D’Acquisto. Da sempre impegnato in politica, ha ricoperto il ruolo di Segretario personale dell’Assessore ai LL.PP. del Comune di Fiumicino Gianfranco Lione. Collaboratore di diversi giornali locali, ha scritto E riebbero il Sindaco e Passocuro e Dintorni.

 

 


Addio Nicola

log in

Become a part of our community!

reset password

Back to
log in