Le nostre criticità stradali: necessità di “sutura” tra le vie Gauthier e Tocco


A cura del Comitato di Zona Aranova

Comunicato dell’08/02/2019.

Ad Aranova, per opporsi al continuo crescente grado di congestione del traffico nella sua zona centrale, tra le opere di relativamente modesto onere economico e di più elevato beneficio, in termini di fluidità della circolazione veicolare e di disinquinamento ambientale, è da segnalare l’opportunità di brevi collegamenti tra le strade esistenti (tronchi di “sutura”), in grado  di evitare il transito dei veicoli motorizzati sulla strada centrale dell’abitato, ossia  sulla Via M. Rosi.

È pur vero che per la scorrevolezza del traffico su detta strada, dal CdZ Aranova sono già state proposte le sistemazioni degli incroci tra Via M. Rosi e la Via Austis (tramite una specifica minirotatoria, segnalata al Sindaco Montino in data 13/07/2018) e con la Via Siliqua (tramite un sistema a bilanciere, costituito da due minirotatorie poste singolarmente a monte e a valle dell’incrocio, con segnalazione al Sindaco del 16/11/2018); ma è anche da considerare il fatto che la Via M. Rosi rimane – pur sempre – una strada a bassa capacità di deflusso veicolare, per l’esistenza di una sola corsia per ciascun senso di marcia. Da ciò consegue che la Via M. Rosi molto difficilmente potrà reggere all’urto delle nuove attrazioni di traffico, generate dalla realizzazione della Piazza Centrale con il suo Centro Civico (comprendente gli Uffici Comunali decentrati, specie – si augura – quello per i Vigili Urbani), in particolare qualora – come purtroppo sembra che stia per avvenire – non venga contestualmente realizzato il parcheggio sottostante la Piazza, rialzata al livello della Chiesa (secondo quanto proposto al Sindaco fin dal 27/10/2016).

Tra i più utili tronchi di “sutura” della viabilità, alternativi all’uso della Via M. Rosi, si pone particolarmente in evidenza quello tra le Vie V. Gauthier e F. Tocco (indicato in figura con tratteggio colorato in bianco e celeste), lungo poco oltre 100 m, tenuto anche conto dell’allungamento di tracciato stradale necessario per non rendere eccessivamente “in pendenza” il tronco viario di auspicabile nuova costruzione. Tra l’altro, questo nuovo tronco potrebbe far parte della futura rotatoria ivi prevista dal Piano Particolareggiato delle Zone B3a e B4a, per lo sviluppo delle aree residenziali circostanti.

Esso sarebbe a servizio specialmente dell’utenza abitante nelle zone di Castiglione, Casalone, Via I. Raulich e sue traverse, Valle Coppa e Cantinaccia, la quale utenza – nei suoi spostamenti (di andata e ritorno) verso la Via Aurelia – allungherebbe ciascuno dei propri viaggi di solo circa 300 m, con evidenti vantaggi in termini specialmente di durata dello spostamento e di comfort del viaggio (la distanza tra gli incroci terminali è pari a 1060 m lungo la Via M. Rosi ed a circa 1380 m  lungo le Vie Gauthier e F. Tocco).

Infatti, qualora la stessa utenza – sempre per evitare di passare nella zona centrale di Via M. Rosi (indicata in figura con un ovale di colore rosso) – volesse utilizzare l’esistente alternativa di percorso stradale costituita dalle Vie Austis e Siliqua (indicate in figura con i colori verde e giallo) si troverebbe a dover accettare per ciascun viaggio un allungamento di percorso dell’ordine di oltre 600 m, ossia pari a più del doppio di quello precedentemente proposto (la distanza tra gli incroci terminali in questo caso è pari a circa 840 m lungo la Via M. Rosi ed a circa 1460 m lungo le Vie Austis e Siliqua).

mappa Le nostre criticità stradali: necessità di “sutura” tra le vie Gauthier  e  Tocco

La presente ipotesi di intervento su Aranova, è stata inviata al Sindaco Montino in data  06/02/2019.


Le nostre criticità stradali: necessità di “sutura” tra le vie Gauthier e Tocco

log in

Become a part of our community!

reset password

Back to
log in
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: