A spasso nella Riserva con Riccardo


DI-GIUSEPPE-3-e1554798770734 A spasso nella Riserva con Riccardo

Rubrica settimanale a cura di Riccardo Di Giuseppe, Naturalista e Agrotecnico – Responsabile delle Politiche ambientali, tutela della costa e degli ecosistemi per il Movimento Sergio Pirozzi 

Amiche e Amici oggi vi faccio conoscere l’Istrice! Qui in Riserva vive un animale particolare e straordinario conosciuto anche con i nomi di Porcospino e Spinosa. Sapete che l’istrice è il roditore più grande d’Europa?  Il suo corpo è ricoperto da aculei erettili e di lunghezza variabile a seconda della posizione sul corpo e da robuste setole flessibili. Le setole sono molto lunghe sul capo e sulle spalle così da formare delle vere e proprie creste: il nome scientifico infatti è Hystrix cristata, istrice crestata. Sono animali notturni e di solito escono quando è buio, per questo motivo hanno udito e olfatto molto sviluppati, ma pessima vista. Di natura molto pacifica quando si sentono minacciati drizzano la criniera e gli aculei del dorso, facendo vibrare il sonaglio caudale. Durante le passeggiate nelle leccete, macchie, boschetti e paesaggio agrario della Riserva Litorale Romano è facile imbattersi in qualche aculeo bianco e nero sul terreno. Capita che alcuni aculei infatti si possono staccare dall’animale, alimentando la falsa credenza popolare che gli istrici sparino gli aculei contro il nemico. E infine, non potevamo non ricordare il dilemma del porcospino. “Una compagnia di porcospini, in una fredda giornata d’inverno, si strinsero vicini, per proteggersi, col calore reciproco, dal rimanere assiderati. Ben presto, però, sentirono il dolore delle spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l’uno dall’altro. Quando poi il bisogno di scaldarsi li portò di nuovo a stare insieme, si ripeté quell’altro malanno; di modo che venivano sballottati avanti e indietro tra due mali: il freddo e il dolore. Tutto questo durò finché non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione“. (Arthur Schopenhauer – ‘Parerga e Paralipomena‘). Il dilemma del porcospino è una vera e propria metafora sulla sfida della ricerca di una maggiore intimità tra le persone. Insomma… per stare vicini senza ferirsi bisogna riuscire a mantenere un certo equilibrio! La natura è la migliore delle scuole!

Che bello vivere in una Riserva! Alla prossima settimana e ricordate sempre… #conoscerepertutelare! 

 


A spasso nella Riserva con Riccardo

log in

Become a part of our community!

reset password

Back to
log in
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: