Tasciotti (Garante per l’Infanzia) scrive al Ministro dell’Istruzione


Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza

Al Ministro dell’istruzione 

On. Ministro, 

Le scrivo per cercare di dare un contributo sereno e sensato all’apertura dell’anno scolastico. 

Ho analizzato, attraverso incontri con Dirigenti scolastici ed Amministratori locali, che il distanziamento di 1 metro lineare tra le rime buccali, considerato che mediamente le aule scolastiche hanno un’area di 40 mt quadrati, (ci sono realtà edilizie con una metratura inferiore), l’ospitalità per aula si aggira intorno alle 15-17 alunni-studenti, considerando i 2 metri in uso per il docente. 

Resterebbero statisticamente fuori dall’aula dal 35 al 40% degli alunni. 

In questi giorni in tutte le scuole e negli uffici tecnici degli enti locali si sta cercando di trovare soluzioni che non deprimano la didattica. 

Non entro nel merito delle metodologie, ma tendenzialmente alcune proposte puntano a cercare spazi in luoghi della scuola non adibiti ad aule, tipo refettorio. 

Altra ipotesi che sta viaggiando è l’estrema richiesta di aule prefabbricate. 

Negli incontri avuti ho proposto, sull’onda di un modello sistemico Scuola-Territorio, di puntare alla Città educante, individuando spazi idonei nel territorio e collaborazioni con l’associazionismo sportivo e culturale ed il terzo settore. 

Vengo adesso a formularle alcune proposte 

1. Coppia fissa 

• In alcune Regioni, tra cui il Lazio, è stato decretato dai Presidenti, l’avvio degli allenamenti degli sport di contatto ( Judo, Lotta, Karate ed altro), accogliendo il protocollo elaborato dalla Federazione italiana Judo Lotta Karate Arti marziali ( FIJLKAM), che prevede, durante gli allenamenti, LA COPPIA FISSA, ossia l’allenamento sempre con lo stesso compagno, per la tracciabilità. 

Traslando il concetto in aula si potrebbero creare postazioni con lo stesso compagno. Ciò determina il mantenimento del gruppo classe nell’aula. 

2. Arredo scolastico 

• Per quanto riguarda l’arredo, ho letto che sarà cura del commissario nominato dal Governo a stabilire la tipologia e gli acquisti. 

A proposito le ricordo che circa il 50% della popolazione in età scolare ha un atteggiamento paramorfico e ben il 5 % è dismorfico ( scoliosi, lordosi, cifosi) 

Quindi reputo che l’arredo acquistato debba essere realmente ergonomico. Tale investimento permetterà nel tempo di risparmiare in interventi sanitari. 

3. Medico scolastico 

• Ultimo suggerimento. Credo che sia il momento di ripristinare, nella scuola, la figura del medico scolastico. 

Nel passato aveva un importante ruolo nel campo della prevenzione, dato che effettuava 2 viste mediche per ogni alunno 

4. Mascherine 

  • La riflessione che senz’altro staranno facendo i componenti del CTS, è d’immaginare come possano gli studenti ed il personale della scuola tenere le mascherine per tutto il tempo scolastico, salvo momenti particolari. 
  • Tenere le mascherine per tante ore credo che andrebbe a creare altri gravi problemi

Con l’auspicio di essere utile alla causa, nell’augurarle un buon lavoro la saluto cordialmente 

IL GARANTE 

Prof. Roberto Tasciotti 


Tasciotti (Garante per l’Infanzia) scrive al Ministro dell’Istruzione

log in

Become a part of our community!

reset password

Back to
log in