Nelle Farmacie Comunali la luce che elimina il virus 


di Franco Cerretti

Si chiama Biovitae ed è, per noi profani, una semplice lampadina a led. Questo almeno all’apparenza, perché in realtà questo dispositivo, frutto del genio italico, è in grado di sanificare dal Covid-19 gli ambienti nei quali viene montata. Al pari di una normale lampadina, quindi, oltre a illuminare riesce ad uccidere al 99,8% il virus che ha creato la pandemia. 

A differenza di altri dispositivi antibatterici che, utilizzati per sanificare gli oggetti, possono divenire pericolosi per l’uomo e che risultano efficaci solo a breve distanza o solo per particolari ceppi microbici, la Biovitae uccide virus e batteri presenti negli ambienti senza recare danno all’uomo e senza rendere sterili gli ambienti in cui agisce.

Nel nostro territorio, al momento, Biovitae è già stata installata presso l’ospedale di primo intervento dell’aeroporto di Fiumicino e all’interno delle Farmacie Comunali di Aranova e di Isola Sacra a tutela dei dipendenti, ma soprattutto degli utenti che grazie a questo innovativo presidio potranno trovare all’interno dei locali un’ulteriore protezione. Le Farmacie Comunali di Fiumicino ancora una volta si dimostrano particolarmente sensibili ai bisogni della comunità in cui operano ormai da un ventennio. “La farmacia non è solo il luogo in cui si distribuiscono i medicinali”, si legge sul sito delle Farmacie. E anche in questo caso mai slogan fu più azzeccato.

Tornando all’invenzione, brevettata a livello mondiale, la si deve al medico gastroenterologo Rosario Valles e all’ingegnere di fisica quantistica, laureato a Oxford, Carmelo Cartiere. L’invenzione di Valles e Cartiere ha superato le criticità delle normali lampade battericide utilizzando per di più materiali classificati come “non pericolosi” senza emettere radiazioni luminose a lunghezze d’onda che possono risultare nocive per l’uomo (raggi ultravioletti). L’assoluta bontà di questa invenzione è stata testata da qualificati laboratori e centri di ricerca. Nel mese di giugno il Dipartimento scientifico del Policlinico Militare del Celio ne ha testato l’efficacia sul Sars-Cov2 e ha dimostrato di essere in grado di provocare danni alla struttura dei microrganismi che compongono virus, batteri, spore, muffe e funghi. Fra breve verranno condotti nuovi test in due laboratori militari europei (in Germania e in Svezia) sotto il coordinamento del Dipartimento Scientifico del Policlinico Militare di Roma. Inoltre, Biovitae, è registrata al Ministero della Salute come Dispositivo Medico di Classe I.

Nelle Farmacie Comunali la luce che elimina il virus 

log in

Become a part of our community!

reset password

Back to
log in