Svincolo per Aranova. Una commissione urgente per la messa in sicurezza 


Foto tratta dal profilo Facebook del Consigliere Severini.

di Roberto Severini (Capogruppo della lista civica “Crescere Insieme”)

Dopo l’incidente frontale di domenica 24 gennaio, in cui due auto si sono scontrate presso lo svincolo di ingresso ad Aranova, ho lanciato un sondaggio sui social per testare gli umori dei residenti. E’ chiaro che questo è un sondaggio parziale, perché non rispecchia la totalità degli abitanti di Aranova, ma è comunque indicativo.

L’indicazione che emerge, infatti, è quella di un’esasperazione arrivata al limite. Al punto tale che, in centinaia, sono disposti a sacrificarsi. Perché la chiusura di quello svincolo rappresenta un sacrificio enorme per gli abitanti del quartiere, ma nonostante ciò, loro sono disposti a compiere questo sacrificio, in cambio della messa in sicurezza.

La gente non ce la fa più ad uscire la mattina con addosso la paura che possa sempre accadere qualcosa. Questo è un grido d’allarme che l’Amministrazione deve necessariamente far suo.

È trascorso troppo tempo da quando si è iniziato a parlare di questo svincolo. Sappiamo che un iter c’è, ma non sappiamo, grazie alla solita poca trasparenza del Comune, a che punto è. Siamo a conoscenza, per nostre fonti, che l’iter è ormai quasi agli sgoccioli, ma serve che il Comune faccia l’ultimo step: alzare la voce.

Non vi è dubbio che ci siano delle responsabilità, inadempienze e leggerezze dietro questo rallentamento. Confidiamo che sarà compito della politica capire e spiegarci cosa sia successo. Per questo motivo ho chiesto questa mattina, come Vice Presidente della commissione lavori pubblici, di calendarizzare urgentemente una commissione congiunta tra lavori pubblici e pianificazione del territorio, per visionare le carte e sapere a che punto è l’opera.

Ora la gente è stanca e attende un’azione concreta.

 

Svincolo per Aranova. Una commissione urgente per la messa in sicurezza 

log in

Become a part of our community!

reset password

Back to
log in